Naturalezza e semplicità ispirate al passato sono le caratteristiche principali che definiscono questo stile, adatto per coloro che hanno nel cuore l’arredamento della nonna, ma vogliono vederlo rivisitato in chiave moderna.

Ph. via Bolig magasinet

Lo stile easy chic rende viva la semplicità con tocchi di raffinatezza e dettagli personalizzati. Un stile dunque moderno e minimale, ma capace di rispecchiare il lato più intimo di chi abita spazi così arredati.

La regola di base di questo stile è che tutto deve avere un’aria di casualità e di naturalezza, anche se ogni minimo dettaglio deve essere studiato con grande cura e attenzione. L’obiettivo è quello di realizzare spazi fluidi e liberi che predispongano all’armonia e al relax.

Ph. via Planete deco

Per quanto riguarda i colori, la gamma di tonalità è molto vasta, ma è importante fare attenzione agli abbinamenti: via libera al bianco, alle tinte pastello, al verde salvia, al rosa antico, alle tonalità neutre, dal beige al grigio tortora al marrone.

Ph. Vibekedesign

Soprattutto in cucina tutto deve essere studiato al dettaglio per realizzare un ambiente confortevole e funzionale.

Ph. via Elle

L’angolo pranzo in stile easy chic può prevedere per esempio un tavolo in legno recuperato e ridipinto con tante sedie colorate e diverse tra di loro.

Ph. via Drifter and the gypsy

Ph via Pinterest

Per l’apparecchiatura della tavola scegli strofinacci in lino al posto delle tovagliette,  porcellane bianche e bicchieri di vetro verde, come quelli della nonna.

Ph. via My domaine

Ph. via Pinterest

Il soggiorno easy chic è minimal, ma sofisticato, con complementi d’arredo che giocano su tonalità a contrasto e un’attenzione alla pulizia delle linee per creare un ambiente ordinato e curato nei dettagli.

Ph. via Facilisimo

Ph. via Design mag

Scegli con cura tutti gli accessori: cuscini, vasi dalle forme più varie, complementi d’arredo di buon gusto per creare un’atmosfera di naturalezza, vissuto e ricerca dell’eleganza.

Ph: Westwing

Arredare in stile easy chic può essere anche una scelta più economica di quanto si possa pensare, perché si possono utilizzare anche pezzi di recupero, che, una volta rivisitati, diventano elementi preziosi nel nostro ambiente.

Ph: Fishpools

Ph: Ikea

Ad esempio in camera da letto puoi riutilizzare i vecchi comodini che hai in soffitta o rivestire e ripitturare vecchie sedie della nonna per farli diventare pezzi d’arredo low cost ma d’effetto. Per cuscini e lenzuola opta per delle scelte sobrie senza fantasie eccessive o colori troppo intensi, per effetto relax garantito.

Ph: via Carrebian home

Per un bagno easy chic scegli un filo conduttore per trasformarlo in un vero e proprio luogo del benessere, creando una stanza elegante, rilassante e romantica al tempo stesso. Tra i materiali, oltre al legno puoi inserire anche il ferro battuto, il vimini, la ceramica ed il vetro. Per i tessuti punta sul cotone, la spugna e il lino per asciugamani ed accappatoi coordinati sui toni del bianco, avorio, beige, verde salvia o rosa antico.

Ph: Entrancemakleri

E tu cosa ne pensi di questo stile?
Guarda il mio progetto di restyling di un soggiorno in stile easy chic, QUI.

Se ti è piaciuto questo post, condividilo!


Iscriviti alla newsletter qui per ricevere contenuti inediti!

Se vuoi imparare le tecniche per recuperare i tuoi vecchi mobili in stile easy chic, iscriviti ad uno dei nostri corsi di relooking d’interni, cliccando QUI.