Oggi rispondo ad una domanda che mi ponete in tanti: che differenza c’è tra mobile un stile shabby chic, décapé o provenzale? Sostanzialmente la differenza tra un mobile dipinto secondo lo stile shabby, il decapato e il provenzale è data da una diversa ricerca estetica legata in gran parte alla tonalità di colore prescelta.

Lavorazione del mobile in stile shabby chic

Vediamo insieme in che modo ottenere i diversi effetti di stile attraverso alcuni esempi di lavori realizzati dalle nostre corsiste.

Il mobile shabby chic

Un mobile in stile shabby chic deve essere un pezzo di recupero (per esempio essere della nonna o proveniente da un mercatino), deve avere una storia e un aspetto “vissuto”.

Mobile shabby chic

La tecnica décapé

Con la tecnica décapé (in italiano, decapato) ci si riferisce ad una tecnica francese decorativa in uso fin dall’epoca di Luigi XV. La decapatura veniva eseguita in realtà per proteggere il legno dagli attacchi degli insetti xilofagi, i tarli. Il materiale veniva lavato con della soda, per favorire l’apertura dei pori e delle venature del legno e per asportare vernici e impurità. Sul mobile veniva poi passata una mano di calce che aveva la proprietà di disinfettare ed eliminare i tarli.

Questa tecnica di origine francese è diventata nel tempo una modalità molto apprezzata di velatura realizzata con prodotti specifici che permettono lasciare in parte a vista la venatura del legno sottostante.

Tecnica decape su legno

Nello stile shabby chic e in quello decapato, il mobile in legno è solitamente ridipinto nei toni sbiaditi e invecchiati del bianco, del panna, del crema, del grigio chiaro o in tonalità pastello molto desaturate.

Complemento d'arredo in stile provenzale

Il mobile in stile provenzale

Nella lavorazione del mobile in stile provenzale invece si utilizzano colori pastello puri quali l’azzurro carta da zucchero, l’indaco, il lavanda, il verde salvia.

Mbiletto in stile provenzale

Nel mobile trattato con tecnica shabby, non necessariamente il tipo di finitura lascia trasparire le venature del legno, ma è più importante conferire al mobile i segni dell’usura del tempo.

Se vuoi trasformare un mobile nuovo in un mobile shabby chic, dovrai cercare di conferirgli una patina anticata con colori tenui e cere con i procedimenti di “invecchiamento” propri di questa tecnica, imparando tu la tecnica fai da te oppure dovrai farlo fare ad un tuo esperto di fiducia. Buon lavoro!

Sedia shabby chic
Tutte le immagini: © Carla Costa per Amate Stanze

E tu che ne pensi di questo argomento? Scrivimi nei commenti o sui social! Mi farebbe molto piacere sapere che pensi.


Se sei interessata ad imparare le tecniche per recuperare i tuoi vecchi mobili in stile shabby chic, décapé, provenzale, country o industrial, iscriviti ad uno dei nostri Corsi (di gruppo o personalizzati) rivolti sia ad appassionati sia ad addetti dei settori casa o eventi che vogliono acquisire nuove competenze. Clicca QUI per avere maggiori informazioni.