L’ingresso ha l’importantissimo compito di darci il benvenuto, accogliendoci a casa e trasmettendo serenità con un’ambientazione d’atmosfera.

L’ingresso ed il soggiorno, che nelle case più moderne sono spesso fusi in una sola stanza, hanno l’importantissimo compito di darci il benvenuto, accogliendoci al nostro rientro a casa e trasmettendo serenità.

Ingresso su soggiorno

Anche gli open space o gli ingressi con affaccio diretto sul soggiorno hanno bisogno di una zona di passaggio tra interno ed esterno e, per questo motivo, a me piace sempre cercare di studiare un “sistema” per dividere o quantomeno delimitare questi due spazi. Di solito è possibile farlo creando un ribassamento o un “segno” diverso nel costrosoffitto, oppure inserendo una quinta divisoria con un mobile, altre volte è sufficiente allestire quello che chiamo un “angolo di benvenuto” con alcuni pezzi d’arredo e complementi ben studiati ed una illuminazione ad hoc.

Il biglietto da visita della casa

Un altro aspetto fondamentale da tenere in conto quando si arreda l’ingresso è che questo ambiente si configura come “il biglietto da visita” della nostra casa, capace di offrire una prima impressione della casa. Questo significa che bisogna ben tenere in considerazione questo aspetto per evitare  uno dei rischi più comuni, cioè di trascurare lo studio della progettazione di questo spazio, che invece ha il compito di darci, al primo colpo d’occhio, un’indicazione circa lo stile e l’atmosfera della casa in cui siamo entrati.

Nell’arredare l’ingresso è bene dunque tenere conto della sua duplice natura: spazio fisico, attraverso il quale entrare e uscire dall’abitazione, e spazio psicologico, che rimanda all’idea di essere accolti.

Di seguito ti suggerisco alcuni punti da applicare per una corretta progettazione dell’ingresso.

  • Un mobile da ingresso o un piano dove appoggiare le chiavi è indispensabile, magari d’impatto un po’ scenografico!

Ingresso in stile classico

Immagine via Shabby & Country Life

  • Se lo spazio è poco, è sufficiente una consolle poco profonda, sovrastata da una composizione creativa di quadri o applicazioni a parete.

Ingresso con consolle e adesivo decorativo a parete

Immagine via Bonkaday

  • Se invece lo spazio lo permette, per evitare che diventi un deposito di cappotti, borse e scarpe, realizza un armadio a muro ben attrezzato, con mensole ganci ed appendiabiti, in cui riporre cappotti, giacconi, scarpe e borse, ombrelli, sciarpe e tutto ciò che ti occorre al momento di uscire di casa. In questo modo lo spazio sarà più ordinato e accogliente e risparmierai tempo per riporre borse e cappotti.

Parete attrezzata per l'ingresso

Immagine via Stylecaster

  • Ganci semplici, ma diversi e di design, fissati alla parete permetteranno allo stesso tempo di appendere borse, cappelli, specchi e di decorare le pareti.

Ingresso minimal con ganci a parete di design

Immagine via Homeyohmy

Ingresso minimal

Immagine via Gofeminin

  • Se, come spesso accade, il locale ha dimensioni ridotte ed è senza finestre, puoi renderlo visivamente più “grande” e luminoso inserendo specchi, quadri con cornici riflettenti o di tinte chiare e inserendo lampade con luce forte e diffusa, che “scaldano” l’ambiente.

Ingresso con grandi specchiImmagine via Pellavaa ja pastellia

Ingresso luminoso con porta aperta sul giardino

Immagine via Charlestonclass

Ora vediamo qualche idea che potrai utilizzare per personalizzare il tuo ingresso.

Mobili contenitori

Questo ingresso in stile country o rustico è provvisto di una seduta, di un mobile e altri contenitori per lasciare libero il passaggio e di ganci alla parete che trasformano un serie di cappelli in una insolita e originale decorazione.

Ingresso in stile country con cappelli di paglia

Immagine via Habitissimo

Ingresso in stile farmahouse con decorazione botanica

Immagine via Designandmore

Elemento divisiorio

Se manca un ingresso ben  definito, è possibile “suggerire” l’idea con una quinta divisoria muraria anche bassa, oppure un elemento isolato come una scaffalatura, una panca, una scarpiera. In questo caso la panca permette di sedersi per togliere più facilmente scarpe e stivali nascondendo alla vista l’area retrostante.

Ingresso con guardaroba, scarpiera e panca

Immagine via Ikea

Un ingresso per ogni stile

Puoi realizzare un ingresso in stile shabby chic creando una composizione armoniosa di pezzi originali e spaiati armonizzati dall’uso di un colore chiaro a tua scelta.

Ingresso dai toni neutri in stile francese

Immagine via Shabby and Charme

Un ingresso in stile marinaro o coastal style si distinguerà per la sensazione di freschezza e luminosità.

Ingresso in stile coastal

Immagine via Donnnaclick

Un’idea originale per un ingresso un po’ irregolare è quella di indirizzare lo sguardo verso un punto focale ben studiato, per esempio una pila di valigie in stile vintage, in perfetto stile retrò, utilizzate non solo come elemento decorativo, ma anche come contenitori per gli abiti fuori stagione.

Ingresso in stile vintage con vecchie valigie

Immagine via Shabby and Charme

Infine, se ti piacciono le scritte decorative, puoi sbizzarrirti allestendo una parete creativa con messaggi di benvenuto nella tua dimora, aggiungendo un tocco in stile farmhouse.

Ingresso in stile farmhouse

Immagine via She gave it a go

Se vuoi approfondire il tema legato alla progettazione dell’ingresso puoi leggere anche questi articoli del blog:

Iscriviti alla nostra Newsletter qui per ricevere contenuti inediti!

Se vuoi imparare le tecniche per recuperare i tuoi vecchi mobili attraverso l’uso del colore e nei diversi stili (shabby chic, country, industrial, ecc.), iscriviti ad uno dei nostri corsi di relooking d’interni, cliccando QUI.


Benvenuto/a su Amate Stanze.
Se il post ti è piaciuto, condividilo sui social!